PowerBI: cos’è e a cosa serve. Guida alla visualizzazione dei dati

PowerBI: cos’è e a cosa serve. Guida alla visualizzazione dei dati
Avatar author
ottounozero

del 31/08/2022

PowerBi: La Guida

PowerBi sono dei servizi software, app e contenitori che permettono di trasformare le origini dei dati in informazioni coerenti.

Indice

  1. Cos’è PowerBi
  2. PowerBi: come costruire un report
  3. PowerBi: i vantaggi
  4. PowerBi: dove scaricarlo
  5. PowerBi: come imparare ad usarlo

Cos’è PowerBi

PowerBi è un complesso di strumenti di Business Intelligence sviluppato da Microsoft, il cui scopo è realizzare report per le analisi aziendali a supporto dei processi decisionali.

La raccolta comprende tre strumenti:

  • PowerBi Desktop, scaricabile gratuitamente, che consente di elaborare dati e di costruire i report;
  •  PowerBi Service che corrisponde ad un cloud dove è possibile pubblicare e visualizzare i report creati con PowerBi Desktop. Si può accedere solo tramite account;
  • PowerBi Mobile, app creata per smartphone e tablet che permette di visualizzare i report.

Accanto a questi tre elementi, PowerBi ne include altri due:

  • il Generatore di report, utile per l’impaginazione dei report;
  • il Server, dove è possibile pubblicare i report dopo averli creati.

Il potenziale di PowerBi sta nel fatto che ti permette di eseguire tutte le operazioni con un unico software. Si può definire uno strumento a tre strati:

  1. Strato dei dati che consente di connettersi a sorgenti diverse per poter modellare i dati
  2. Strato semantico dove è possibile creare formule nuove e misure complesse.
  3. Strato di presentazione che permette di organizzare in senso logico i dati visualizzati.

PowerBi: come costruire un report

Il primo step di partenza per la costruzione dei report è il collegamento all’origine dei dati. Una volta definita la fonte, vanno selezionate le tabelle per poi importarle nel programma.

Il secondo step è l’elaborazione dei dati. Bisogna quindi rinominare i campi e le tabelle, se necessario eliminare e/o aggiungere colonne, filtrare e modificare i dati e tante altre modifiche necessarie che permettono di automatizzare il prossimo processo, la configurazione del modello dati.

Il terzo step è infatti la definizione del modello dati dove è possibile definire le relazioni tra le tabelle, creare misure e colonne calcolate con l’aiuto del linguaggio Data Analysis Expressions, conosciuto come DAX, il quale permette di incrementare la base di dati con indicatori adatti alla costruzione dei report.

Il quarto e ultimo step è la creazione delle visualizzazioni. Nel momento in cui è stato definito il modello dati bisogna solo costruire il report grazie all’uso dell’elenco dei campi e delle misure e grazie agli oggetti di visualizzazione predefiniti.

PowerBi: i vantaggi

Essendo uno strumento flessibile, PowerBi offre innumerevoli vantaggi, tra questi:

  • È uno strumento interattivo, permette la creazione di report e dashboard personalizzabili a seconda delle esigenze di analisi.
  • È alla portata di tutti. PowerBi è stato pensato per essere utilizzato da tutti.
  • Accessibilità.
  • Sono diverse le modalità di utilizzo: desktop, mobile e cloud.
  • Infine, PowerBi è interamente gratuito. Per quanto riguarda le licenze per il cloud i prezzi sono ragionevoli e al momento risulta essere una delle soluzioni migliori e con il prezzo più basso sul mercato di Business Intelligence.

PowerBi: dove scaricarlo

È possibile scaricare PowerBi direttamente dal sito ufficiale Microsoft. 

Con la licenza gratuita si può usare il servizio PowerBi solo per connettersi ai dati e creare i report nella propria area personale, ma è impossibile condividerli con altri utenti e non possono essere pubblicati.

PowerBi si aggiorna mensilmente, questo perché Microsoft effettua delle migliorie costantemente per migliorare l’esperienza dell’utente.

Se PowerBi è stato scaricato direttamente dal Microsoft Store, allora non c’è bisogno di preoccuparsi, gli aggiornamenti vengono effettuati automaticamente. Se, invece, è stato scaricato dal sito Microsoft, apparirà una notifica all’avvio dell’applicazione che avviserà in caso di aggiornamenti disponibili.

PowerBi: come imparare ad usarlo

Il primo passo è sicuramente iniziare a scaricare la versione desktop gratuita. Per imparare ad utilizzare e soprattutto, imparare a sfruttare le funzionalità avanzate, è consigliabile frequentare un corso specifico per PowerBi.

In Epicode offriamo dei corsi di formazione aziendali incentrati proprio su PowerBi, personalizzati e alla portata di tutti.

Scopri di più nella pagina dedicata.

Altri articoli

Python: cos’è e a cosa serve

Python: cos’è e a cosa serve

Il linguaggio di programmazione Python Python è stato progettato nel 1989 dal programmatore olandese Guido Van Rossum e solo nel 1991 messo in commercio. Il nome Python deriva da un gruppo comico, Monty Python, di cui il Van Rossum era grandissimo fan. Python è uno dei linguaggi di programmazione più diffusi e richiesti dagli sviluppatori […]

Leggi di più
Javascript: cos’è e a cosa serve, ecco la guida completa

Javascript: cos’è e a cosa serve, ecco la guida completa

Il linguaggio di programmazione Javascript La prima versione di JavaScript viene concepita nel 1995 quando Netscape decide di creare per il proprio browser un linguaggio di scripting leggero che desse la possibilità ai web designer di interagire con i diversi oggetti della pagina quali immagini, form, link etc., e soprattutto con gli applet Java che […]

Leggi di più
Java: cos’è e a cosa serve, ecco la guida completa

Java: cos’è e a cosa serve, ecco la guida completa

Il linguaggio di programmazione Java Java è un linguaggio di programmazione generico utilizzato per lo sviluppo di pagine web. È uno dei linguaggi più conosciuti e il più popolare soprattutto per le app web client-service. Inizialmente Java nasce con il nome “linguaggio Oak” nel 1992, prodotto da Sun Microsystems. Questo nome venne poi modificato in […]

Leggi di più